IL MEGLIO DI HELSINKI: COSA VEDERE DA TURISTA E COME VIVERLA DA “LOCAL”

Cosa vedere a Helsinki: la cattedrale luterana, il simbolo della città

Questo articolo potrebbe contenere dei link di affiliazione, il che significa che potrei ricevere una commissione a nessun costo aggiuntivo per te se effettui un acquisto tramite un link sul mio sito. Leggi l’informativa completa per maggiori informazioni.

Cosa vedere a Helsinki: itinerario turistico e tips da local con informazioni pratiche di viaggio e consigli (dove dormire, come spostarsi, app utili da scaricare, dove e cosa mangiare e tanto altro).

Helsinki è la mia mamma adottiva!

Vivo qui dal 2019, anno in cui ho iniziato a lavorare come assistente di volo con base appunto Helsinki.

Come succede spesso nelle città in cui vivi, il mio rapporto con Helsinki è iniziato più da “local” che da turista.

Ma poi quando hanno iniziato a venirmi a trovare amici e parenti, mi sono messa sotto a pianificare e creare per loro degli itinerari da turista doc. E adesso li regalo a te!

Ti scriverò per prima un piccolo itinerario classico con quelle che secondo me sono le cose più importanti da vedere ad Helsinki. Poi ti aggiungo anche delle cose “extra” da vedere se vuoi dedicare più tempo a Helsinki, o viverla appunto più da “local”.

Se ti fermi a Helsinki per qualche giorno, ti indirizzo anche verso un articolo che sto scrivendo su alcune gite che puoi fare in giornata in Finlandia partendo da Helsinki.

Infine ti darò anche delle informazioni pratiche per organizzare al meglio il tuo viaggio in questa città e qualche consiglio su alcune esperienze da provare tipicamente finlandesi!

Iniziamo quindi con l’itinerario “base” con le cose più importanti da vedere ad Helsinki!

COSA VEDERE A HELSINKI IN UN GIORNO: ITINERARIO CLASSICO.

RAUTATIENTORI, LA PIAZZA DELLA STAZIONE.

Solitamente gli itinerari classici di Helsinki iniziano da Rautatientori, la Piazza della Stazione.

Come si può facilmente intuire, la protagonista della piazza è la stazione (Rautatiasema) in granito finlandese. La riconosci subito per la sua alta torre dell’orologio e per i suoi Portatori di Fiaccola, statue giganti incollate alla facciata che sorreggono delle lampade a forma di sfera.

Facciata della stazione di Helsinki, con la torre dell'orologio e i portatori di fiaccola

Pensa che in tempi di covid, anche loro indossano la mascherina. D’altronde in Finlandia le regole le seguono proprio tutti, anche le statue!

Nella Piazza della Stazione trovi anche il monumento allo scrittore Aleksis Kivi, lo scrittore nazionale, e alle sue spalle il Teatro Nazionale in granito.

ALEKSANTERINKATU, UNA DELLE VIE PIÙ IMPORTANTI DEL CENTRO.

Da Piazza della Stazione, spostati ora verso Aleksanterinkatu, una delle vie più importanti del centro, con bei palazzi storici.

Ad Aleksanterinkatu si trova uno dei miei bar preferiti di Helsinki, il Paulig Kulma, che ha un piano superiore carinissimo dall’arredamento super curato e una bella vetrata. Se capiti qui la domenica, fermati per un brunch a buffet.

Ingresso della caffetteria Paulig Kulma di Aleksanterinkatu a Helsinki

Il viale porta dritto dritto a Senaatintori, la Piazza del Senato.

SENAATINTORI, LA PIAZZA DEL SENATO (CATTEDRALE LUTERANA DI HELSINKI).

Senaatintori è praticamente il centro del centro di Helsinki, nonché la sua piazza più importante.

Qui si trova infatti il simbolo indiscusso della città che ne caratterizza lo skyline: la super luccicante Cattedrale Luterana di Helsinki, di un bianco che più bianco non si può (sembra la pubblicità di un detersivo).

Piazza del Senato a Helsinki con la sua Tuomiokirkko, la Cattedrale Luterana

La Cattedrale, o Tuomiokirkko se la vogliamo chiamare alla finlandese, è stata costruita nel 1830 e originariamente aveva il nome di Chiesa di Nicola, perché è stata dedicata allo Zar Nicola I.

La chiesa fu realizzata da Engel, un architetto tedesco che si può dire ha progettato un po’ tutta Helsinki. Fu infatti chiamato dallo zar Nicola I a ricostruire la capitale del Gran Ducato di Finlandia dopo l’incendio del 1827.

Piccolo indovinello. Ti ricorda qualcosa questa chiesa? Ti dò un piccolo indizio: si trova a Parigi!

Tuomiokirkko fu ispirata nientepopodimeno che al Pantheon di Parigi. Dai, con un occhio non troppo critico direi che un po’ lo ricorda!

Questa bellissima chiesa dal marmo super bianco e le cupole stellate, in realtà dentro non è niente di che. L’interno infatti è piuttosto misero (come d’altra parte un po’ tutte le chiese luterane) se non fosse per il suo bellissimo organo e le statue dei grandi riformatori Lutero, Melantone e Mikael Agricola, che fu il padre della riforma in Finlandia. Diciamo che ad importanza, Agricola sta alla Finlandia un po’ come il nostro Dantone nazionale sta all’Italia.

Ma usciamo dalla Cattedrale e torniamo alla Piazza del Senato. Vabbè quindi dove si trova sto Senato?

In realtà non c’è. O meglio, è l’attuale Palazzo del Governo, che in passato era la sede del Senato Imperiale. Ecco svelato il mistero del nome della piazza che oggi di senato ha ben poco!

Altri edifici importanti di Senaatintori sono l’edificio principale dell’Università di Helsinki e il palazzo della Biblioteca Nazionale.

Se vai a Helsinki nel periodo natalizio, qui troverai i mercatini di Natale (fino al 22 dicembre, poi si sbaracca tutto) e il mega alberone che viene messo dietro la statua dello zar Alessandro II.

Da Piazza del Senato, raggiungi Kauppatori, la Piazza del Mercato. Prima di gironzolare però tra le sue bancarelle fai una piccola deviazione verso la penisola Katajanokka, dove trovi la Cattedrale number two di Helsinki: la Cattedrale Ortodossa Uspenski.

LA CATTEDRALE ORTODOSSA USPENSKI.

La Cattedrale Ortodossa Uspenski, o Cattedrale della Dormizione, è l’altra cattedrale supermodel di Helsinki. Veramente bellissima!

Cattedrale Ortodossa Uspenski di Helsinki sul mare

Si trova in cima a una collina per cui da lì puoi godere anche di un bel panorama sulla città.

Fu inaugurata nel 1868 e sul retro della chiesa trovi una lapide in commemorazione di Alessandro II di Russia, che al tempo della costruzione era il sovrano del Granducato di Finlandia.

Va bene, chiesa bella e tutto, ma adesso immagino si sia fatta l’ora di pranzo. Fiondati di nuovo verso le bancarelle della Piazza del Mercato.

KAUPPATORI, LA PIAZZA DEL MERCATO.

Rieccoci a Kauppatori, la Piazza del Mercato.

Stavolta la piazza non ci prende in giro come la piazza del Senato, qui il mercato c’è davvero. Anzi, ce ne stanno pure due, uno aperto e uno coperto.

Il mercato all’aperto ha diverse bancarelle dove puoi trovare soprattutto pesce (che te lo cucinano e preparano proprio lì), frutti di bosco, funghi e ovviamente souvenir.

Mirtilli a uno degli stand del mercato all'aperto di Kauppatori di Helsinki

Il mercato al coperto invece, Vanha Kauppahalli, ha diversi stand dove puoi assaggiare sia cucina finnica che cucina internazionale. Io personalmente amo questi mercati al coperto perché puoi gironzolare e provare cose diverse di cucine diverse.

Stand del Vanha Kauppahalli, il Mercato Vecchio al coperto di Helsinki

Oltre a sfamare locali e turisti, la Piazza del Mercato ha anche importanti monumenti storici, tra cui l’obelisco di Engel, con in cima un’aquila a due teste, costruito in occasione della visita della coppia imperiale russa Nicola I e Alessandra. Inoltre qui trovi l’Ambasciata della Svezia e il Palazzo Presidenziale che è stato in ordine la residenza dello zar, la residenza del Presidente della Repubblica, e oggi è sede di ricevimenti ufficiali.

Un altro monumento storico della piazza è la Fontana Havis Amanda, che un tempo è stata considerata molto sconcia perché la signorina che sbuca dall’acqua è tutta nuda. Una statua. Di bronzo. Eh vabbè!

Fontana di Havis Amanda a Kauppatori a Helsinki

Da Piazza del Mercato partono anche i traghetti per le isole dell’arcipelago di Helsinki. Ma prima di imbarcarci facciamo una breve passeggiata ad Esplanadi.

ESPLANADI, IL VIALE DI HELSINKI.

Esplanadi mi ricorda molto la Rambla di Barcellona. Come la sua amica spagnola infatti, Esplanadi è un viale pedonale con ristoranti, bar e negozi. La differenza però è che qui è tutto molto più caro!

Il ristorante più famoso di Esplanadi, e di tutta Helsinki probabilmente, è il leggendario Kappeli. Ma, te lo dico tutto d’un fiato, è carissimo! Non ti sorprende vero? Però secondo me vale comunque la pena di provare quest’esperienza, magari non so un dolce e un caffè.

Passeggiando su Esplanadi incontrerai la statua del nostro amico Runeberg, un poeta importantissimo della Finlandia che ha scritto il testo dell’inno nazionale. Inoltre sua moglie era anche un’ottima cuoca e si è inventata dei dolcetti che dovrai assolutamente provare sei vai a Porvoo (di cui ti parlerò nel prossimo articolo).

Statua di Runeberg alle Esplanadi di Helsinki

Alla fine di Esplanadi si trova il Teatro Svedese.

Adesso l’itinerario può seguire due alternative. Puoi tornare a Kauppatori e imbarcarti per Suomenlinna. O continuare il giro della città con il secondo itinerario che ti propongo in questo articolo.

Consiglio: se sei ad Helsinki un giorno solo, vai a Suomenlinna. Ne vale veramente la pena, è stupenda!

Se invece ti fermi ad Helsinki due o più giorni considera il fattore meteo per la tua scelta. Secondo me Suomenlinna è un luogo da visitare quando c’è una bella giornata. Per cui, se il tempo non è un gran che (cosa molto probabile ad Helsinki) continua con il giro della città e inserisci Suomenlinna (insieme a Seurasaari) nella giornata di sole. Poi certo, se becchi sempre giornate bruttine, la scelta è abbastanza indifferente. Ma non ti scoraggiare! La Finlandia è così! Non credo tu abbia deciso di venire qui per il clima giusto?

Immaginiamo quindi che oggi ci sia una bellissima giornata di sole, e imbarchiamoci per Suomenlinna!

SUOMENLINNA: COSA VEDERE NELLA FORTEZZA SUL MARE DI HELSINKI.

Una bella traghettata di circa 15 minuti ci porta a Suomenlinna, l’isola dove sorge la fortezza di Helsinki.

L'isola di Suomenlinna vista dal mare

Il traghetto fa parte del sistema dei trasporti HSL per cui puoi usare lo stesso biglietto che usi per autobus, treno e metro (ti darò informazioni dettagliate sui mezzi di trasporto più avanti).

Appena sbarchi, passa a prendere la mappa al centro informazioni, ti aiuterà ad orientarti.

PREMESSA STORICA.

Suomenlinna, che letteralmente significa Fortezza Finlandese, in realtà non si trova su una sola isola, ma su un complesso di 6 isole collegate tra loro da ponti.

E in realtà non nasce neanche come fortezza finlandese! Fu costruita infatti nel 1748 dagli svedesi, che regnavano in Finlandia dal 1323, per difendersi dall’invasione russa. Ad essere precisi, fu costruita da Ehrensvärd, guerriero, artista e architetto svedese (un tutto fare in pratica), che troviamo anche sepolto nell’isola.

Ma nonostante Suomenlinna fosse una fortezza gagliardissima, nel 1808 gli svedesi si arresero ai russi senza combattere e nel 1809 la Finlandia diventò un Granducato autonomo dell’Impero Russo. Insomma la povera Finlandia è sempre stata un po’ sballottolata dai due giganti svedesi e russi.

Come se non bastasse, nel 1855 ci si è messo pure l’esercito anglo-francese a bombardarla per bene durante la Guerra di Crimea.

Quando poi i russi si tolsero dalle scatole e la Finlandia finalmente guadagnò la sua indipendenza nel 1917 (festa molto sentita nel paese), la fortezza diventò una prigione per i prigionieri della guerra civile e base militare.

Ora l’intero complesso è stato trasformato in un museo e nel 1991 l’UNESCO ha inserito Suomenlinna tra i Patrimoni dell’Umanità.

Insomma Suomenlinna ha giocato un ruolo importantissimo nella storia della Finlandia, e mi è sembrata quindi d’obbligo questa piccola premessa storica.

Adesso però cominciamo la nostra passeggiata per Suomenlinna.

COSA VEDERE.

Orientarsi è molto semplice, ti basta seguire il percorso blu (segnalato benissimo dai cartelli blu) dove trovi le attrazioni principali dell’isola (o meglio delle isole). Il percorso è di circa 1 chilometro e mezzo, anche se ti suggerirò delle piccole deviazioni per una esperienza Suomenlinna da 10 e lode.

Arco di ingresso della caserma di Suomenlinna

Passiamo sotto l’arco di ingresso della caserma, e ci ritroviamo di fronte la Chiesa di Suomenlinna. In realtà, come vedrai dalle foto dei pannelli descrittivi, la chiesa era molto più bella! Si trattava infatti di una chiesa ortodossa con bellissime cupolette a cipolla. Poi è stata trasformata in chiesa luterana e le sue simpatiche cupole sono state abbattute. Insomma diciamocelo pure, i luterani l’hanno parecchio imbruttita.

Esterno della Chiesa di Suomenlinna

Una cosa molto interessante della chiesa è che la torre serviva come faro per il traffico aereo e marittimo, ed è tutt’ora in funzione!

Continuiamo la passeggiata e attraversiamo il ponte per raggiungere un’altra isola, dove troviamo poco più avanti a destra il cantiere navale. Qui venivano costruite le navi della flotta svedese ed oggi viene usato principalmente per rimettere a nuovo vecchie barche a vela.

Cantiere navale di Suomenlinna

Passiamo a trovare il tuttofare Ehrensvärd nel Grande Cortile dell’isola dove troviamo la sua tomba e un museo a lui dedicato, allestito nella sua vecchia casa.

La tomba di Ehrensvard a Suomenlinna

Superato il Parco di Piper, ti propongo la prima deviazione dal percorso blu. Invece di proseguire dritto lungo il percorso, gira a destra e sali gli scalini per percorrere il perimetro dell’isola. Da qui il panorama è bellissimo, e puoi passeggiare tra i cannoni e l’artiglieria della fortezza a picco sulle scogliere.

Panorama delle scogliere della fortezza di Suomenlinna

Ti dò anche una piccola missione da compiere. Se cerchi bene oltre i cannoni troverai delle piccole capannine (vecchie polveriere) che a me danno tanto l’idea di quelle casette della contea degli hobbit. Troppo carine!

Vecchie polveriere di Suomenlinna

Una volta fatto il giro tra i cannoni, torniamo sulla retta via e riprendiamo il nostro percorso blu. Arriverai presto alla Porta del Re, che era l’ingresso principale della fortezza.

Porta del Re di Suomenlinna

Attenzione adesso! Qui troverai un punto di imbarco per tornare a Helsinki, ma si tratta di una compagnia privata, e il biglietto non è incluso tra il sistema di trasporti HSL. Per prendere il traghetto giusto, ti toccherà tornare indietro al punto iniziale.

Ma ancora meglio perché ti proporrò un’altra trasgressione dal percorso blu! Seguendo sempre le strade che costeggiano il lato orientale dell’isola, troverai a un certo punto il sottomarino Vesikko, il primo sottomarino della Marina Militare Finlandese, trasformato in un museo visitabile solo d’estate.

Sottomarino Vesikko di Suomenlinna visto dal mare

Ok adesso basta con le trasgressioni, promesso! Ti lascio tornare al punto di imbarco senza distrazioni!

COSA VEDERE A HELSINKI: ITINERARIO PER IL SECONDO GIORNO.

Buon secondo giorno a Helsinki!

Oggi proseguiamo il nostro giro del centro di Helsinki, e terminiamo la giornata a Seurasaari, l’isola con il museo all’aperto della Finlandia.

Anche oggi iniziamo l’itinerario da Rautatientori. Questa volta però ci incamminiamo verso la parte opposta e andiamo ad esplorare il quartiere di Töölö che, oltre ad essere divertentissimo da pronunciare, offre tante cose da vedere con il suo lago, una grande area verde e una serie di edifici importanti.

COSA VEDERE NEL QUARTIERE TOOLO DI HELSINKI.

Il primo edificio che incontriamo nel nostro percorso dalla stazione centrale è la Oodi Library, la Biblioteca Centrale di Helsinki, inaugurata nel 2018. Si tratta di un edificio modernissimo in legno e vetro, progettato dallo studio finlandese ALA Architects.

Esterni della Oodi Library di Helsinki

La parte secondo me più interessante è la grande sala lettura che si trova al secondo piano, dove puoi leggere il tuo libro in santa pace mentre ti godi il panorama della città dalla sua vetrata.

La biblioteca si trova a pochi metri dal Parlamento, che organizza anche visite guidate.

Dalla biblioteca puoi iniziare a camminare verso il lago di Töölö, che in realtà loro chiamano bacino, e osservare gli edifici importanti che incontri lungo il percorso tra cui il Finlandia Hall, un centro congressi che viene usato anche per concerti e mostre, e il Museo Nazionale, che ripercorre la storia della Finlandia dalla preistoria ai giorni d’oggi.

Una volta che sei vicino al Museo Nazionale, dai le spalle al lago e cammina verso la chiesa luterana del Temppeliaukio, una chiesa super particolare di Helsinki! In pratica è una chiesa scavata direttamente nella roccia che va a costituire un elemento stesso dell’edificio, che si è quindi adattato perfettamente al suo contesto naturale.

Esterno della Temppeliaukio, la Chiesa nella Roccia di Helsinki

La chiesa viene usata spesso anche come sala da concerti per l’acustica eccellente della sala e il suo organo.

Sala interna della Temppeliaukio, la Chiesa nella Roccia di Helsinki

Unico neo: si paga. Sono solo €4 ma a me questa cosa che bisogna pagare per entrare nelle chiese proprio non va giù! Ma ho anche una bella notizia: il mercoledì dalle 15 l’ingresso è gratuito.

Incamminiamoci adesso verso il Parco di Sibelius dove si trova il Passio Musicae, il monumento dedicato al musicista Jean Sibelius. Il Passio Musicae è un’opera astratta formata da più di 500 tubi di acciaio assemblati per creare la forma di un organo. Inoltre è un monumento molto woman power. Il Passio Musicae è infatti opera di una donna finlandese di nome Eila Hiltunen che la mostrò al pubblico nel 1967 anche se, poverina, ha ricevuto un sacco di critiche negative e addirittura insulti.

Il Passio Musicae, il Monumento dedicato a Sibelius

Facciamo adesso l’ultima capatina nel quartiere di Töölö e andiamo allo Stadio Olimpico, che fu costruito in occasione delle Olimpiadi del 1940 che si sono tenute però nel 1952. Non ti propongo questa tappa perché sono un’ultrà super tipa da stadio, ma per farti salire sulla Torre dello Stadio Olimpico, alta 72 metri, da dove puoi ammirare una vista straordinaria dell’arcipelago di Helsinki.

Lasciamo ora Töölö per andare a vedere Serausaari, l’isola del museo all’aria aperta di Helsinki. Questa volta però non dobbiamo prendere nessun traghetto! L’isola è infatti collegata alla terraferma da un ponte pedonale.

SEURASAARI: COSA VEDERE NELL’ISOLA DEL MUSEO ALL’APERTO DI HELSINKI.

Il museo all’aria aperta di Seurasaari è un complesso di edifici in legno del 17° e 18° secolo che sono stati trasportati sull’isola da diverse parti della Finlandia.

Uno degli edifici del Museo all'Aria Aperta di Seurasaari

In pratica è come se visitassi gli edifici di tutta la Finlandia concentrati però su una mini isoletta.

Le case e gli edifici sono quasi tutti originali, tranne qualche ricostruzione, e ti permettono di vedere come vivevano le persone di quei secoli nella Finlandia rurale.

Una delle case del Museo all'Aria Aperta di Seurasaari

Se hai visitato altri paesi scandinavi, avrai notato che a loro questo tipo di museo piace molto. Il museo di Seurasaari è infatti molto simile allo Skansen di Stoccolma e al Norsk Folkmuseum di Oslo.

Non devi fare nessun biglietto per l’isola, che è pubblica e sempre accessibile. Puoi quindi girovagare tranquillamente per l’isola, e vedere gli edifici da fuori, facendo però attenzione a evitare la spiaggia di nudisti! Santo il ciuelo!

Ti consiglio di comprare comunque il biglietto di ingresso al museo perché certe aree sono visitabili solamente con il biglietto. Inoltre con il biglietto puoi entrare dentro gli edifici, arredati in modo molto fedele alla realtà, e fare così un vero e proprio tuffo nel passato. Troverai anche dei personaggi vestiti come una volta che saranno più che felici di darti qualche informazione in più e rispondere alle tue domande.

Per orientarti ti consiglio di prendere la mappa in biglietteria che propone un percorso numerato lungo tutto il museo. Inoltre, se viaggi con bambini, ti daranno un bingo con una sorta di caccia al tesoro con cose da cercare e missioni da compiere! Io l’ho fatta con le mie nipotine e ci siamo divertite un sacco!

La Finlandia sta veramente avanti in quanto a servizi e attività per famiglie con bambini!

Il percorso comprende quindi una serie di case, cottage, fattorie e mulini, e persino una chiesa ancora in funzione che ospita nel suo giardino la tomba del fondatore del museo, Axel Ola Heikel, e di sua moglie Maria.

Bene, termina qui l’itinerario di oggi. Facciamo ora un piccolo recap dei due itinerari che ti ho proposto.

Il primo giorno comprende quelle che secondo me sono le cose imperdibili da vedere ad Helsinki. L’itinerario del secondo giorno raggruppa invece una serie di attrazioni importanti, ma non imperdibili. Il tutto comunque sempre e solo secondo il mio modestissimo parere.

Visto però che qui ci vivo, e conosco bene questa città, ti voglio segnalare altre attività e punti di interesse di Helsinki, che puoi fare e vedere se hai più tempo da dedicare alla capitale finlandese.

Vediamo quali sono!

5 COSE EXTRA DA FARE E VEDERE A HELSINKI.

Facciamo un mix di attività culturali e altre un po’ meno. Questa lista segue letteralmente il mio flusso di coscienza con tutto ciò che mi viene in mente che puoi fare e vedere a Helsinki!

1. PROVARE LA VERA SAUNA FINLANDESE.

Non si può dire di essere stati in Finlandia senza aver provato l’esperienza di una vera sauna finlandese.

La parola “sauna” è infatti finlandese, ed è una parte imprescindibile della vita di un finlandese, tanto che nel paese c’è una sauna ogni due abitanti. Per farti capire.

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Very Finnish Problems (@veryfinnishproblems)

Considera che le temperature di una vera sauna finlandese sono ben diverse da quelle che troviamo nelle spa in Italia. Parliamo di una media tra gli 80 e i 100 gradi centigradi. Roba da veri highlander!

Una giornata tipica in sauna prevede anche il bagno nelle acque fredde freddissime di mare, laghi e piscine. Un’esperienza super hard core è fare il bagno letteralmente in un buco scavato nel lago ghiacciato e correre in sauna. A volte mi chiedo: ma perché?

Ad ogni modo, che tu scelga o meno di fare Rambo, ecco una lista delle saune pubbliche più famose di Helsinki, che ti consiglio di prenotare in anticipo.

  • LÖYLY. Löyly, che letteralmente significa “vapore”, è uno dei miei posti preferiti di Helsinki. Oltre ad essere famosissimo per la sua sauna pubblica, è un bellissimo locale dove prendere qualcosa da bere, soprattutto d’estate. Piccola nota: il co-fondatore è uno dei personaggi di Vikings, e si trova spesso lì!
  • SAUNA ARLA. Sauna pubblica di Helsinki, tra le più antiche.
  • KAURILAN SAUNA. Altra sauna storica, vicino all’isola di Seurasaari.
  • SAUNA KOTIHARJU. Sauna tradizionale nel quartiere di Kallio.
  • LONNA. Sauna sulla piccolissima isola di Lonna, che puoi raggiungere in traghetto da Kauppatori.

2. SALIRE SULLO SKYWHEEL HELSINKI PER VEDERE IL PANORAMA DI HELSINKI.

Un’esperienza da fare a Helsinki è salire sulla sua ruota panoramica, alta 40 metri, per vedere il panorama della città.

Si trova vicino alla Piazza del Mercato, sulla penisola Katajanokka, dove si trova la Cattedrale Uspenski.

Ruota Panoramica SkyWheel di Helsinki sul mare accanto alla Cattedrale Uspenski

E visto che poco fa abbiamo parlato di saune, ti dò anche una dritta. In una delle capsule della ruota, si trova la SkySauna, l’unica sauna al mondo dentro a una ruota panoramica! Puoi prenotare mandando una email a info@skysauna.fi o chiamare il numero +358 404 804 604.

La SkySauna comprende una sauna e una vasca idromassaggio e può ospitare un massimo di 10 persone. Certo il prezzo è un po’ altino. Sono €240 per un gruppo fino a 4 persone, con 2 drink a testa inclusi.

Per salire semplicemente sullo SkyWheel invece sono €13 a persona.

3. FARE IL GIRO IN BATTELLO DELLE ISOLE DELL’ARCIPELAGO DI HELSINKI.

Se vuoi vedere il profilo di Helsinki dal mare, allora devi salire a bordo di uno dei traghetti che organizzano il giro panoramico delle isole dell’arcipelago di Helsinki.

Tuomiokirkko, la Cattedrale Luterana di Helsinki vista dalla crociera in battello

Il giro dura 2 ore e mezza, non si scende dalla barca, e costa €24 con la compagnia Royal Line.

Dal battello vedrai tante isole tra cui quella di Suomenlinna, Vallisaari, Lonna, Vasikkasaari; inoltre passerai accanto alle navi spaccaghiaccio ancorate nel porto di Katajanokka.

4. VISITARE I MUSEI DI HELSINKI.

A Helsinki non ci sono musei famosissimi da vedere come nelle altri capitali europee. Ma trovi comunque un’ampissima offerta di musei dai generi più svariati, soprattutto di arte moderna, fotografia e design. Vediamo quali sono i più visitati.

  • KIASMA. Museo di arte contemporanea, vicino al Parlamento e al Finlandia Hall.
  • ATENEUM. Museo d’arte finlandese del 19° secolo e moderna. Si trova proprio di fronte alla stazione.
  • SINEBRYCHOFF ART MUSEUM. Contiene opere che vanno dal Trecento all’Ottocento di alcuni collezionisti privati (i coniugi Sinebrychoff) che hanno lasciato in eredità allo stato finlandese. Questo museo, il Kiasma e l’Ateneum fanno parte della Finnish National Gallery.
  • AMOS REX. Un museo unico nel suo genere che ha come scopo quello di far provare delle esperienze particolari ai visitatori. Si trova nell’edificio Lasipalatsi, il Palazzo di Vetro.
  • MUSEO DEL DESIGN. Museo del design finlandese da dopo la rivoluzione industriale ai giorni nostri.
  • HAM (HELSINKI ART MUSEUM). Museo d’arte moderna e contemporanea.
  • MUSEO FINLANDESE DELLA FOTOGRAFIA. Si trova in una vecchia fabbrica di cavi.
  • MUSEO DI STORIA NATURALE. Famoso per la statua di un alce che si trova di fronte al museo, contiene collezioni della paleontologia, geologia e zoologia.

5. VISITARE LA CAPPELLA DEL SILENZIO DI KAMPPI.

Una cosa che imparerai presto dei finlandesi è che amano il silenzio.

Ma come ritrovare questo benedetto silenzio in pieno centro? Semplice, costruendo una Cappella del Silenzio.

Questa chiesa di Kamppi è stata pensata per dare alle persone un luogo in cui potessero godersi il silenzio in santa pace e accoglie i fedeli di tutte le religioni del mondo.

Già che ci sei, fatti anche un bel giretto a Kamppi che è un quartiere super vivace di Helsinki. Alla faccia del silenzio della cappella!

Qui puoi vedere l’Amos Rex, l’HAM, la Chiesa Vecchia in legno, il Teatro Aleksanteri, tantissimi negozi e ristoranti (di cui ti parlerò proprio qui sotto, nella sezione dedicata a dove e cosa mangiare), e bar, tra cui il bar Ekberg, il più antico di Helsinki.

INFORMAZIONI PRATICHE PER ORGANIZZARE AL MEGLIO IL TUO VIAGGIO A HELSINKI.

In questa parte dell’articolo ti dò alcune informazioni utili che ti serviranno per pianificare per bene la tua visita di Helsinki (come spostarsi in città e alcune App utili da scaricare) e per viverti questo viaggio in maniera più local possibile (cosa e dove mangiare, cosa e dove bere, dove fare shopping per acquistare oggetti super finnici).

Infine ti darò anche una piccola guida e introduzione alla cultura finlandese, per evitare strafalcioni e figuracce!

DOVE DORMIRE A HELSINKI.

Prima di trovare casa, mi sono appoggiata al meraviglioso Garden City Apartment. Si trova a Vantaa, la città dell’aeroporto. Ho adorato questa sistemazione, e il quartiere dove si trova è bellissimo. Vantaa inoltre è collegata benissimo al centro ed è anche molto carina. Ti descriverò qualcosa da fare a vedere a Vantaa nell’articolo dedicato.

Se invece preferisci alloggiare al centro di Helsinki, ti consiglio di vedere queste offerte di Booking.

Booking.com

QUANDO ANDARE A HELSINKI.

Molti consigliano di andare a Helsinki d’estate. Sono d’accordissimo, ma secondo me vale la pena visitarla anche durante le altre stagioni.

Certo d’estate il clima è migliore, fa relativamente caldo (ma attenzione possono anche esserci giornate piuttosto freddine) e le giornate sono lunghissime. Infatti Helsinki è una delle città migliori dove puoi godere delle lunghe giornate estive del Nord e il sole di mezzanotte. Inoltre i finlandesi sono di ottimo umore in questa stagione, tante attività si svolgono solo in questo periodo dell’anno, e puoi gustarti una birretta all’aperto senza ibernarti.

Considera che giugno è altissima stagione, seguito da luglio, per cui i prezzi possono essere piuttosto alti. Più economico è agosto, ma puoi rischiare di beccare giornate piuttosto fredde, e le giornate si accorciano leggermente. D’altronde se giugno è alta stagione, un motivo c’è!

Ma non sottovalutiamo anche le altre stagioni. In particolare io amo l’autunno perché puoi ammirare un foliage pazzesco per tutta la città. La Finlandia è piena zeppa di natura e foreste, per cui puoi immaginare che spettacolo di colori trovi in questo periodo dell’anno. Parliamo di settembre fino a metà ottobre. Poi gli alberi cominciano a diventare tutti gnudi, ma le foglie a terra regalano ancora un tappeto coloratissimo.

Ovviamente c’è l’inverno. Qui è tutta un’altra storia. A parte che la Finlandia è il paese del Natale per cui se ami l’atmosfera natalizia non c’è paese migliore che tu possa visitare. Per quanto riguarda la neve, Helsinki è straordinaria quando si copre interamente di bianco, anche perché gli regala quella luce che altrimenti non ci sarebbe nelle cortissime giornate invernali del grande buio. Considera però che non nevica sempre a Helsinki, dipende anche un po’ dall’anno e da come ci stiamo comportando con questo buco nell’ozono. Ti consiglio di visitare Helsinki d’inverno se hai intenzione di visitare anche la Lapponia. Lì la neve la becchi sicuramente e se hai fortuna anche la gagliardissima aurora boreale.

Infine la primavera. Non aspettarti fiori di ciliegio, fringuelli e frescolino da giacchetto jeans. Qui la primavera arriva piuttosto tardi. Considera a volte può nevicare ad aprile e persino a maggio. Anche qui dipende un po’ dall’anno.

COME SPOSTARSI A HELSINKI.

Una cosa che amerai di Helsinki è che è una città super organizzata, e i mezzi pubblici funzionano benissimo.

Ai finlandesi piace fare tutto digital, anche per la loro attenzione all’ambiente. Incentivano il digitale, per non stampare, e salvare il pianeta!

Ad esempio, se compri il biglietto sull’autobus ti costa di più che comprarlo tramite l’App.

Un’App quindi che devi assolutamente scaricare è HSL, dove puoi comprare i tuoi biglietti.

Il sistema HSL copre quattro zone: A-B-C-D. Il centro di Helsinki si trova in zona A, mentre l’aeroporto si trova a Vantaa, in zona C. Per spostarti quindi dall’aeroporto al centro e viceversa devi comprare un biglietto ABC. Invece, per i tuoi spostamenti interni nel centro di Helsinki, dovrai comprare un biglietto AB.

Puoi comprare biglietti singoli che durano 80 minuti e costano €2.80 per lo spostamento in massimo due zone (ad esempio AB) o €4.10 per tre zone (quindi A-B-C). Oppure puoi comprare abbonamenti che vanno da un giorno a un massimo di 13.

Valuta in base a quanto pensi di usare i mezzi pubblici e alla zona del tuo alloggio. Se alloggi in centro, ti basterà fare l’abbonamento per la zona AB e comprare l’integrazione BC per il giorno che devi andare o tornare dall’aeroporto (un nuovo biglietto singolo BC). In quel caso sull’App avrai due biglietti: l’abbonamento AB, e il biglietto singolo BC.

Se invece alloggi a Vantaa, ad esempio, allora ti conviene fare direttamente l’abbonamento ABC.

Pare complicato ma è molto più semplice di quanto sembri.

Sull’App HSL puoi anche mettere il punto di arrivo e di destinazione per il calcolo del percorso e dei mezzi che devi prendere (sono compresi autobus, tram, metro e treni). Sinceramente però a volte trovo il percorso calcolato da HSL un po’ strano e quindi io consulto sempre anche le Mappe di Google per vedere se mi trova una soluzione migliore.

Un ultimo appunto sui mezzi pubblici. A volte gli autobus arrivano alla fermata qualche minuto prima e non aspettano! Tragedy! Quindi un’App molto utile che ti consiglio di scaricare è Nearest Departures, che ti aggiorna in tempo reale sull’orario di passaggio degli autobus.

Ah no scusa un’altra cosa devo dirti! Ricordati di fare cenno all’autista di fermarsi quando sei alla fermata, altrimenti non si ferma. Una cosa da rimanerci malissimo! Te la evito!

COSA MANGIARE E DOVE MANGIARE A HELSINKI.

COSA MANGIARE A HELSINKI.

Ahia! Piccolo tasto dolente. Non aspettarti niente di che sul cibo finlandese. Questa è la nuda e cruda realtà.

Ma siamo in viaggio in Finlandia e vogliamo avere un’esperienza finlandese autentica 100% vero? E questo vuol dire assaggiare la cucina tipica.

Cominciamo con le tre cose più caratteristiche di questo paese: salmone, frutti di bosco (in particolare i mirtilli), e funghi.

Di salmone non sono molto esperta perché non mangio pesce. Ma tra i piatti più tipici da provare a Helsinki c’è la zuppa di salmone e il salmone affumicato.

Per quanto riguarda funghi e frutti di bosco, ce ne sono a gogo! La Finlandia è praticamente tutta foresta, e molti finlandesi vanno a raccogliersi da soli funghi e frutti di bosco. Tu non lo fare per carità! Entrambi hanno delle versioni velenosissime!

Quindi da provare c’è il succo di mirtilli, la torta ai mirtilli con la vaniglia, ma anche semplicemente i frutti di bosco mangiati così al naturale.

Per quanto riguarda i funghi, molto tipica è la zuppa di funghi, chiamata zuppa della foresta.

Un’altra cosa da provare è la Riisipiirakka (un tortino ripieno di riso) che va mangiata calda, possibilmente mettendoci sopra burro e un impasto di uova sode. Una versione famosissima delle Riisipiirakka è la Karjalanpiirakka, che è praticamente la stessa cosa, ma per essere chiamata in questo modo deve seguire in maniera rigorosa la ricetta originale, in quanto ufficialmente riconosciuta come Specialità Tradizionale dall’Unione Europea. Ha questo nome perché è originaria della regione Carelia, un’area della Finlandia vicinissima alla Russia.

Solitamente la farina che viene usata è la segale. Tipico è il pane nero di segale, che puoi provare nella sua versione a forma di panino piatto. Di solito si farcisce con il salmone. Tanto per cambiare!

Poi ecco ci sono gli stufati di carne, nelle loro più svariate versioni. In Finlandia mangiano anche la renna e l’alce, ma è più facile da trovare in Lapponia. Trovi comunque qualcosina nei Kauppahalli e in qualche ristorante tipico di Helsinki.

Passiamo ora ai dolci. Oltre alla torta di mirtilli che ti ho già descritto, un dolce di cui vanno molto fieri è la korvapuusti, una sorta di girella alla cannella. Anche le ciambelle (che in realtà hanno la forma delle nostre bombe) sono tipiche della Finlandia, e le trovi in varie versioni a seconda della città. Te ne parlerò meglio nell’articolo sulle gite da fare da Helsinki.

Infine una cosa di cui i finlandesi non sanno fare a meno è la liquirizia! La amano anche in versione caramella salata, che si chiama salmiakki. Piccola parentesi horror: l’ho letta anche in un menù di una pizzeria (pizza con salmiakki e ananas). Rabbrividiamo.

DOVE MANGIARE A HELSINKI.

Diciamo che Helsinki non è che pulluli di ristoranti tipici. Si mangia per lo più cucina internazionale o fast food. Inoltre mangiare fuori a Helsinki è piuttosto caro (per non parlare del vino).

Sono riuscita però a trovare un ristorante tipico a Kamppi dove si mangia finlandese al 100%. Puoi ordinare alla carta o scegliere l’opzione buffet (che va molto in Finlandia).

Il ristorante si chiama Konstan Möljä ed è arredato in stile finlandese. Molto carino!

Per il resto ti consiglio di mangiare nei vari mercati coperti di Helsinki. Non si spende molto, e puoi mangiare sia cucina finlandese che internazionale. Io sono stata al Vanha Kauppahalli (il vecchio mercato di Kauppatori) e a Hietalahden Kauppahalli (a Kamppi, molto vicino al ristorante Konstan Möljä).

La cucina internazionale va tantissimo a Helsinki, soprattutto quella nepalese, che non ho provato ancora!

Un posto molto buono che ho provato recentemente è Hills Dumplings di Kamppi, dove puoi provare vari tipi di ravioli cinesi. Veramente ottimo, te lo consiglio.

E se hai nostalgia di pizza, prova la pizzeria Via Tribunali. Ce ne sono diverse in città. Ce n’è addirittura una in una nave ancorata nella marina del West Harbour di Helsinki, sempre a Kamppi vicino Hietalahden Kauppahalli.

Insomma, se non l’hai capito, Kamppi è piena di posti dove andare a mangiare!

Infine ti segnalo un posto super carino dove mangiare la torta ai mirtilli. Si chiama Art Cafe Taideterassi, una caffetteria con dei tavolini all’aperto vista lago di Töölö.

COSA BERE A HELSINKI.

Altro punto dolente, a Helsinki bere costa tantissimo! Sia perché la Finlandia è cara di per sé, sia perché purtroppo l’alcolismo è un problema molto serio in questo paese, e il governo cerca di fare qualcosa per limitarne l’uso.

Oltre a costare tanto, l’alcol può essere venduto solo in certi locali e da Alko, un negozio autorizzato (quindi non lo trovi neanche al supermercato, a parte la birra sotto i 5 gradi alcolici) e nella fascia oraria dalle 9 alle 4 di mattina.

Se vuoi del vino alla mescita, considera che devi scegliere quanti cl vuoi. Quando mi hanno versato il vino nel bicchiere col misurino la prima volta ero abbastanza esterrefatta. Una scena veramente molto triste!

Ai finlandesi piace decisamente più la birra del vino. Le due birre nazionali sono la Lapin Kulta e la Karhu.

Ma la cosa migliore secondo me da bere in Finlandia è il Gin “Napue” di Kyrö, un gin a base di segale e diversi aromi di bosco. Se ordini il gin tonic, specifica con il Napue Gin. Ti aggiungono anche delle bacche e rami di rosmarino. Buonissimo!

Un’altra cosa tipica da bere è il Lonkero, che significa long drink, ed è un mix di gin e pompelmo che vendono in lattine.

Infine un’altra cosa da provare in Finlandia è il salmiakki shot, uno shottino a base di liquirizia salata. Lo amano!

DOVE BERE A HELSINKI.

Come ti accennavo nel paragrafo dedicato alla sauna, Löyly è uno dei miei posti preferiti per prendere qualcosa da bere a Helsinki.

Si trova nel quartiere di Eira, dove ci sono ville e case costosissime. Insomma è un quartiere da ricconi!

Löyly è bello sia d’estate, dove puoi bere qualcosa sulla sdraio in riva al mare, che di inverno, nella sala interna dove un camino regala un’atmosfera bellissima.

Se invece cerchi un’atmosfera più vivace, allora devi decisamente andare al quartiere Kallio, un quartiere un po’ alternativo, un po’ hipster, pieno zeppo di pub e locali.

Ci sono poi tantissimi locali anche in zona della stazione. In particolare ce n’è uno che mi piace tantissimo dove fanno dei cocktail buonissimi, e si chiama Hello Strangers.

GUIDA ALLO SHOPPING DI HELSINKI: COSE DA COMPRARE IN UN VIAGGIO IN FINLANDIA.

Ecco adesso una piccola lista di alcuni brand 100% finlandesi, se vuoi riportare dalla Finlandia qualcosa di assolutamente finnico.

  • MARIMEKKO. Brand di abbigliamento e accessori dal design inconfondibile, mega popolare in Finlandia. Se guardi un po’ in giro noterai che praticamente tutte le donne hanno la borsa in cotone con la scritta Marimekko. Sicuramente è un bel souvenir da riportare dalla Finlandia. L’unica cosa è che è abbastanza costoso come brand e non si direbbe proprio! Quindi se è un regalo, lo farei a chi già lo conosce, altrimenti rischi di spendere tanti soldi per un qualcosa che sembra valere molto di meno.
  • IITTALA. Vetreria che produce bellissimi bicchieri di vetro che ricordano il ghiaccio della Lapponia che si scioglie. STUPENDI! In particolare quelli da spumante.
  • MOOMIN. I Moomin sono dei personaggi famosissimi in Finlandia, protagonisti delle storie create da una scrittrice finlandese di lingua svedese. Sono dei simpatici ippopotami bianchi e troverai tantissimi oggetti e capi di abbigliamento col brand Moomin. Regalo perfetto per i bambini!
  • FAZER. Cioccolata. Buonissima!! Puoi comprare le classiche tavolette di cioccolata (quelle classiche sono al latte, altrimenti li trovi con i mirtilli, lamponi e vari gusti) o i cioccolatini. Un sotto brand della Fazer è la Geisha. A me piace tantissimo, soprattutto la cioccolata con caramello e sale!

BREVE INTRODUZIONE ALLA CULTURA FINLANDESE PER EVITARE FIGURACCE.

Puoi pensare che in un paese europeo non possano esserci così tante differenze culturali rispetto a noi.

Vero, ma la cultura finlandese è un po’ particolare, e quindi credo sia bene darti una breve introduzione al loro modo di pensare per evitare di farti fare figuracce!

Il finlandese classico ama il silenzio, la privacy, e stare per i cavoli suoi. Inoltre ha un forte senso civico, rispetta le regole, e la fila (cosa in cui noi italiani siamo un po’ una pippa).

I finlandesi non amano stare vicini. Ad esempio, alla fermata dell’autobus, li troverai tutti abbastanza distanziati tra loro.

Non ti avvicinare troppo a loro, non parlare ad alta voce, rispetta sempre la fila, e tieni sempre la destra quando cammini. Queste sono più o meno le regole base per non infastidire i finlandesi. Puoi essere d’accordo o meno, ma ricorda che sei tu che vai a casa loro.

Per noi italiani è un po’ difficile da accettare, a noi piace toccare un po’ tutto (e tutti), parlare a voce alta, accozzarci e stare vicini vicini. MEEEH. Mega pulsante rosso da risposta sbagliata. Questo atteggiamento non va bene in Finlandia.

In realtà, per quanto possa sembrarti un atteggiamento freddo e distaccato, lo fanno semplicemente perché amano la loro indipendenza, e questa sinceramente è una cosa che ammiro molto. Anche io sono un po’ nordica in questo senso, e non amo le persone appiccicose.

Se non hanno niente da dire, non parlano. Non esiste per loro riempire i vuoti di silenzio con qualche frase di circostanza. Anzi! Riescono a godere tranquillamente di quegli attimi di silenzio in compagnia senza quell’ansia che abbiamo noi di mamma mia devo trovare subito qualcosa da dire, “hai visto il meteo? Sembra che domani dà pioggia”. Se ci pensi è molto più rilassante come la vivono loro. Mia Wallace di Pulp Fiction si sarebbe trovata veramente bene in Finlandia!

Comunque, con questa introduzione non voglio metterti l’ansia, ci mancherebbe. Viviti il tuo viaggio in Finlandia in tranquillità e divertiti! Ci sono tante cose da fare e vedere a Helsinki, fuori Helsinki e in tutto il paese. Cerca solo di capire il loro punto di vista, non dare troppo fastidio, e non ti offendere se non ti salutano in ascensore. Non sei tu, è l’ascensore.

CONCLUSIONI SULL’ARTICOLO SU COSA FARE E VEDERE A HELSINKI.

Mi sono accorta che ho aggiunto mille parentesi e paragrafi in questo articolo su cosa fare e vedere a Helsinki. Avrei potuto scriverti solamente una lista delle cose più importanti da vedere a Helsinki e finirla là. Ma visto che in questa città ci vivo, mi sento un po’ “local” e credo che i consigli dei local sono sempre tra i migliori.

Inoltre ci ho messo un pezzettino di cuore in questo articolo, alla fine come ti dicevo all’inizio, Helsinki è la mia mamma adottiva e ho imparato a volerle bene veramente!

Come promesso, scriverò anche un articolo su alcune idee di gite che puoi fare in giornata da Helsinki (arriverà presto, è al momento work in progress), e uno sulla Lapponia. E sicuramente col tempo ne aggiungerò molti altri! Ho ancora tanto da esplorare in questo splendido paese di laghi e foreste!

Per il momento ti mando un gigantesco kiitos per aver letto fino a qui, e ti saluto con un mega finnico moi! moi! (non troppo forte però che se no i finlandesi si inalberano).

PS: non dimenticarti di seguirmi anche su Instagram, dove trovi altre foto di Helsinki e i miei scatti migliori in giro per il mondo!

IL MEGLIO DI HELSINKI: COSA VEDERE DA TURISTA E COME VIVERLA DA \

2 risposte a “IL MEGLIO DI HELSINKI: COSA VEDERE DA TURISTA E COME VIVERLA DA “LOCAL””

  1. Mi sono letto tutto ed un po’ conferma la sensazione che avevo. Sicuramente le gite in giornata e gli extra da local sono esperienze che comunque rendono la visita piacevole ed interessante. E poi è un Nord un po’ diverso che merita comunque di essere scoperto.

    1. Ciao Fabio! Sì è vero, è un Nord un po’ particolare. Ci si mette un po’ ma una volta compreso lo impari ad apprezzare veramente! 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.